Cellulite, tessuti rilassati, cicatrici e smagliature. La radiofrequenza estetica può intervenire attraverso un trattamento indolore e non chirurgico per ridare tono e luminosità alle zone del corpo che per il passare del tempo o per interventi invasivi lasciano traccia.
Nei precedenti articoli abbiamo già parlato dell’efficacia nei risultati della radiofrequenza in poche sedute e per diverso tempo e di come agisce il collagene, ridonando elasticità al tessuto connettivo deteriorato. Abbiamo anche affrontato la questione relativa alla sicurezza che caratterizza il trattamento, con limiti relativi a stato di gravidanza e patologie cardiovascolari.

Attraverso un gel inodore e incolore i manipoli caldi della RF scorrono sulla pelle del corpo emanando le onde elettromagnetiche ad alta frequenza per generare calore in grado di penetrare l’adipe, stimolando la distensione delle fibre.

Con il calore le cellule adipose vengono distrutte e rilasciano il grasso in forma liquida, si rimpiccioliscono e collagene ed elastina si rinnovano. Un metodo efficace per combattere la cellulite migliorando la microcircolazione: i fastidiosi cuscinetti non verranno eliminati del tutto perché, come è ormai assodato, la ritenzione idrica non scompare, ma certamente si può ridurre sino ad ottenere un rimodellamento cutaneo evidente. Il tessuto linfatico migliora, le tossine vengono spurgate e si ottiene un effetto lipolitico. Per ottenere risultati duraturi all’interno delle braccia, sulle cosce, sui glutei o all’addome, bisogna associare alla radiofrequenza uno stile di vita sana, un’alimentazione corretta e l’assunzione di almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.

Passiamo alle smagliature, veri e propri strappi delle fibre elastica della pelle: cicatrici inizialmente di colore rosso, che diventano bianche perché il sangue non vi circola più. Anche in questo caso le zone interessate sono l’interno delle cosce, l’addome, i fianchi, il seno, l’attaccatura delle braccia e i glutei e si formano soprattutto a seguito di rapidi cambiamenti di peso per diete e gravidanze. La radiofrequenza interviene lì dove non si è riuscito a prevenire lo strappo con creme ad azione elasticizzate da massaggiare sul corpo dopo il bagno, scrub esfoliante da fare settimanalmente, assunzione di yogurt, frutta, verdura, legumi, pesce e carne che contengono vitamine, sali minerali e proteine che stimolano le cellule della pelle a rigenerarsi. Attraverso il trattamento estetico invece si riducono le cicatrici levigando la pelle e rinnovandola grazie alla produzione di collagene che riempie il solco.

È importante che tali trattamenti vengano effettuati da centri estetici con personale specializzato per evitare sfoghi, eritemi, gonfiori e arrossamenti o fastidiose conseguenze.